Slashstroke Magazine

Vogue

Dolce&Gabbana's SS13 on Swide

Amsterdam Fashion TV

TrendLand

London College of Fashion

Amsterdam fashion TV

Dolce&Gabbana's Swide

Illustratorlounge

Artpower Blank

ABC Japan

Amelia's Magazine

Ok Periodicals

We Are Selecters

Desktop Magazine

Ccihr

Trust me Magazine

partfaliaz.com

Amelia's Magazine

Feel design

illustration friday

Famoweb

design in europe

Poulpe et cocaine

douban illustration

ThumbtackPress agency

Juxtapoz magazine

I love illustration

Trend Land about Cristian Grossi

The magenta links

Antoine Soussaline

youngdesigner

dafresh.it

artsblog

exibart

zuni

little chimp society

il manifesto

ABC Japan

cruzine

undo

Roripia Japan

parmadaily

espressione arte

frizzi frizzi

inspire first

my behance

an artist

Sanatcil Baykus

a funny news

Palazzo Cusani, Parma

A cura di Marco Turco

il mondo convergente. Per il fatto che siamo una sola cosa, ci fondiamo e torniamo a separarci. Dopo questo caso un altro, dopo il gesto l'inchiostro si ferma e rimane sulla carta, come un pizzo come un ricamo.

Da lunedi 5 a sabato 31 marzo, Palazzo Cusani, Casa della Musica, Parma.

/Solutsjo'ni / per l'uso Artefiera Off

A cura di Adele Dell'Erario

Il nuovo manuale di istruzioni per l’uso dei sex toys
realizzato dagli artisti Cristian Grossi, Ester Grossi, Matteo Quinto e Giulio Zanet

Da mercoledi 18 gennaio @ Betty&Books Via Rialto, 23/a Bologna

Blank


2011 - ArtPower "Blank", a book ok printing.

Trustme Magazine

artMarket

A cura di Adele Dell'Erario

Una collettiva di diciannove artisti presenti sul panorama nazionale. La mostra è allestita all'interno di un'insolita location: un open space, un tempo sede di un supermercato. Così nasce ARTMARKET a cura di Adele Dell'Erario , un evento che parte dalla diversità della proposta artistica contemporanea, dalla varietà dei linguaggi espressivi, per dare al fruitore l'idea di essere esattamente di fronte alla stessa vastità di prodotti presenti in un supermercato. Da questo punto di partenza ARTMARKET propone una riflessione sulle modalità di consumo dell'arte della nostra società e sull'attuale incapacità di concreta valorizzazione del panorama artistico contemporaneo, non solo come opportunità di sviluppo economico, ma soprattutto come motivo di crescita culturale collettiva.

In esposizione le opere di Alessandro Martinelli, Nicola Testoni, Sabrina Baruzzi, Federico Galli, Francesco Bevini, Gianni Renna, Kalus Morgue, Andrea Leone, Andrea Cucchi, Cristian Grossi, Arianna Lerussi, Federica De Ruvo, Yuri Lonis, Lorenzo Ghelardini, Fabrizio Caboni, Laura Bisotti, Francesca Anita Modotti, Afa, Monia Sogni.

In mostra fino al 19 Giugno 2011
Via De Cristoforis 18, Vergato BO

FUORI SPAZIO
+39 339 8177117
La2000+45@giannitestoni.it
Via D'Azeglio 50, Bologna

La deviazione

A cura di Matteo Andreolini e Silvia Meneghini

La deviazione è un percorso di grafica ed illustrazione che studia il fenomeno della narrazione come transizione fra due figure.
Una serie di disegni, poster e pannelli in cui si elabora una ricerca estetica che correla linee, modelli matematici e visioni che evocano innocenza e paure ancestrali.

L'AUTORE
Cristian Grossi sperimenta tecniche miste con inchiostri a china, fotografia, grafica digitale e matita. Lavora impastando colore, kitsch ed eleganza in un amalgama burroso e inquietante. E’ tra i fondatori dello studio creativo Kreativehouse dove lavora come creativo ed illustratore.

ZUNI ARTE CONTEMPORANEA
Via Ragno 15, Ferrara

The New Liberty: donne che germinano

A Salso le donne germinano come campi in primavera.
Nel ridotto del Teatro Nuovao ancora per pochi giorni in mostra le suggestive opere di Cristian Grossi

Stando alle note personali pubblicate sul web, Cristian Grossi va letteralmente matto per la poetessa Ingeborg Bachmann, l'illustratore Auberey Beardsley, il designer Bruno Munari, la musicista Bjork, la scrittrice Marguerite Duras, Andy Warhol, l'artista Marina Abramovich, il regista Wong Kar Wai, l'attore Vincent Gallo e lo scrittore Milan Kundera.

Cosa hanno in comune tutte queste persone genialità a parte?
Il fatto che sfuggono a qualsiasi catalogazione (come quelle da noi utilizzate per tutti tranne che per Warhol, sfuggente per definizione) perchè non si sono mai fermati in un campo o in un settore, ma nel piu pigro dei casi ne hanno bazzicati con enorme successo almeno due.

Così nelle opere di Grossi in mostra sino al 3 aprile nel foyer del Teatro N'Uovo di Salsomaggiore Terme si ritrova un poco di tutte le sue passioni e non solo Beardsley (illustratore, scrittore e pittore ingelese, molto influente negli ambienti dell'epoca vittoriana che pagò non poco la sua amicizia con Oscar Wilde). "The New Liberty: Donne che germinano" è un omaggio al suo mondo, ma anche agli infiniti mondi che a Beardsley sono seguiti e che hanno scatenato la passione dell'autore.

Grafico ed illustratore, Grossi evolve rapidamente le sue tecniche espressive, frutto di una continua rielaborazione di passato e contemporaneo.
Le atmosfere che dominano questa mostra sono citazioni del tardo '800, riferimenti all'Art Nouveaux, lo stile artistico diffuso in Europa e negli Stati Uniti, che interessò le arti figurative, tra il 1890 e il primo decennio del Novecento ispirandosi alla Natura, di cui studia gli elementi strutturali traducendoli in linee dinamiche ed ondulate. I soggetto delle illustrazioni di Grossi sono figure di donne che come delle piante vivono, respirano, si riproducono nel tempo vero protagonista di questi lavori. Il percorso di sviluppa lentamente, e durante questo ciclo di vita vegetale di evoluzione, crescita e fioritura, le donne-pianta osservano indolenti e distanti l'umanità, sentimento espressivo attraverso uno sguardo che si apre e si chiude.
Sono opere frutto di un lavoro di compuer grafica, illustrazioni semi statiche che lentamente si muovono, si esplora così il mutamento inteso come tendenza evolutiva, che avviene in natura in ogni singolo istante, inesorabilmente e con distacco.

Una summa dell'Illustrazione che è anche un modus operandi: dal disegno utilizzando la sola china, alla stesura di colore in computer grafica.

Cristian Grossi è anche tra i fondatori del laboratorio creativo KreativeHouse, il celebre studio che incrocia design, illustrazione grafica, composizioni multimediali, video e comunicazione in continua sperimentazione. E' anche il creatore del personaggio per ragazzi Carmilla e autore assieme a Matteo Martignoni, del libro di filastrocche "Germinantes".

Armando Orlando
Polis, 31 Marzo 2010

Minimondi 2010



Cristian Grossi in mostra per Minimondi
Le opere dell'artista saranno alla Libreria Fiaccadori fino al 7 marzo 2010.

Le opere dell'artista Cristian Grossi saranno in mostra alla Libreria Fiaccadori di Parma fino al 7 marzo 2010.
E' sempre una scoperta emozionante il mondo interiore di Cristian Grossi . Il tratto manuale della stesura a china viene sublimanto dalla computer graphic che ne consolida l'impatto estetizzante. Fecondo di insoliti esseri, diffidenti, compiaciuti, talvolta guardinghi, impegnati in criptiche gesta, ma sempre dolcissimi nella loro consapevole -densa- coesistenza.
Le illustrazioni diventano ecosistemi emotivi , talvolta emozionali, regni dalle oscure tradizioni permeati di malinconica dolcezza (Tributo a re Zafferano, 2008).
Il conflitto c'è, ed è sempre lo stesso, quello tra immacolata rigida purezza e kitsch, tra geometria minimalista e rovinosa esplosione di fermenti emotivi. Troppe le soprese scoperte, troppi i segreti celati. Da osservare tutte d'un fiato.

Parmadaily

Trasformazioni.spore



Lo studio degli organismi vegetali ci insegna che è l'istinto, quello più ancestrale, che ci impone il perseguimento tenace della vita.
Ad ogni costo e con totale distacco verso tutti i turbamenti emotivi: dolore, affetto, pena di sè.
La natura perfetta degli esseri è quindi anaffettiva, arida, distante.

Trasformazioni.spore è una video installazione che esplora il mutamento come tendenza evolutiva alla perfezione.

Le immagini rappresentate sono cinque diversi cicli di vita che procedono secondo lo schema di sviluppo di un organismo vegetale.

Il soggetto rappresentato non è mai essenziale, ciò che appare in realtà è la sua evoluzione organica, la sua germinazione, il compimento di un destino fisiologico. Il medium scelto è la computer graphic. La progettazione parte dalla materia: il tratto a china si trasforma in segno grafico attraverso il computer. Questo permette un'astrazione pura del disegno che da traccia su un supporto reale, quindi intrinsecamente imperfetto, si riflette in un modello matematico composto di curve analitiche. L'immagine reale realizza la sua tendenza innata alla perfezione attraverso formule matematiche.
Un processo di trascendenza.

Ma l'esperimento di Cristian non può che rivelare una realtà evidente. La natura tende alla perfezione. Una perfezione talmente sfrontata ed eccessiva da risultare però scadente, grottesca, kitsch.

La stessa scelta di moltiplicare il numero dei fotogrammi classici della visione cinematografica (24) in 35 unità percettive al secondo ha il preciso scopo di sovraccaricare ogni dettaglio per creare un piano visivo complesso, sovrastrutturato, un messaggio gestaltico più simile alla realtà. Esasperare la mimesi del reale attraverso la tecnica digitale è un altro modo per astrarre, implementandolo, il destino di perfezione dell'immagine.

Le sue figure antropomorfe crescono secondo i ritmi naturali delle piante, di fronte agli occhi dell'osservatore che è spettatore passivo di un mutamento naturale. Trasformazione sufficiente ma non necessaria che emerge solo ad un'attenta e paziente osservazione. Il tempo è di nuovo una componente indispensabile del gioco della creazione.

Cristian è cresciuto a Salsomaggiore. Da qui il liberty come cifra stilistica privilegiata. Insita nel linguaggio espressivo liberty è infatti la riproduzione di elementi naturali in un modello figurativo ideale. Le figure femminili che ci fissano pietose non possono fare nulla per noi se non persistere nel loro modus vivendi, la germinazione.

L’esposizione, a cura di Marco Turco, è organizzata dall’Archivio Giovani Artisti di Parma e Provincia, struttura dell’Assessorato alle Politiche Culturali e alla Creatività Giovanile – Servizio Eventi e Mostre – del Comune di Parma, in collaborazione con Fondazione Monte di Parma, STU Area Stazione e 00:am Casa Creativa.orario: dal 19 agosto al 12 settembre. da lunedì a sabato, 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance


Shop